Con l’Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile n. 344 del 9 maggio 2016, viene disciplinata la sesta annualità di contributi per interventi di prevenzione del rischio sismico. I Comuni individuati a cui destinare i fondi per l’esecuzione di interventi di carattere strutturale di riduzione del rischio sismico sugli edifici privati salgono a 20.

Per la provincia di Bologna: Camugnano, Castel di Casio, Castiglione dei Pepoli, Granaglione, Loiano, Lizzano in Belvedere, Monghidoro, Porretta Terme, San Benedetto Val di Sambro.

Per la provincia di Parma: Bardi, Berceto, Corniglio, Monchio delle Corti, Palanzano, Valmozzola.

Per la provincia di Modena: Fanano, Fiumalbo, Frassinoro, Pievepelago, Riolunato.

ENTITA’ DEI CONTRIBUTI

1. Interventi di rafforzamento locale. 100€ per ogni mq di superficie lorda coperta complessiva di edificio soggetta a interventi, con il limite di 20.000€ moltiplicato per il numero delle unità abitative e 10.000€ moltiplicato per il numero di altre unità immobiliari.

2. Interventi di miglioramento sismico. 150€ per ogni mq di superficie lorda coperta complessiva di edificio soggetta a interventi, con il limite di 30.000€ moltiplicato per il numero delle unità abitative e 15.000€  moltiplicato per il numero di altre unità immobiliari.

3. Interventi di demolizione e ricostruzione. 200€ per ogni mq di superficie lorda coperta complessiva di edificio soggetta a interventi, con il limite di 40.000€ moltiplicato per il numero delle unità abitative e 20.000€ moltiplicato per il numero di altre unità immobiliari.